Visto per studenti F1 negato: quando è il caso di rivolgersi ad un avvocato per l’immigrazione negli USA

Quando il visto F1 viene rifiutato e cosa comporta il diniego del visto studente

Il permesso più comune che viene rilasciato per gli USA è l’ESTA, che non è un visto vero e proprio , ma un nulla osta che generalmente viene richiesto e rilasciato online, utilizzato soprattutto da chi ha intenzione di recarsi negli States per motivi turistici, mentre chi ha la necessità di entrare e rimanere negli Stati Uniti per motivi di studio o lavorativi deve fare la domanda per il visto corrispondente.

Per esempio, il visto F1 è riservato agli studenti che devono trascorrere del tempo negli States per seguire corsi e programmi di studi per un determinato periodo ed anche se solitamente non si incontrano difficoltà ad ottenerlo capita che il visto F1 venga negato.

Come si può intuire, affinché sia rilasciato questo tipo di visto si devono avere determinati requisiti, ecco quelli più rilevanti:

  • Essere iscritti presso una scuola statunitense che partecipa al programma SEVIS (Student Exchange Visitor Program) ed essere in possesso del modulo I-20.
  • Aver pagato le tasse di iscrizione varie, etc.
  • Dimostrare la propria disponibilità finanziaria che deve essere sufficiente per garantire la sussistenza del richiedente negli States (ad esempio attraverso estratti conto corrente di banca)
  • Dimostrare che si ha la volontà di tornare nel proprio paese di origine, etc.

Quando il visto F1 è negato solitamente i motivi sono legati al fatto che manca uno o più requisiti richiesti oppure si sbagliano le tempistiche. Per esempio, se la domanda per il visto viene inoltrata quando il programma di studi è già iniziato, è possibile che il visto F1 verrà negato, a meno che lo studente non dimostri con un certificato rilasciato dalla scuola in questione che può iscriversi lo stesso al programma, seguirlo ugualmente anche se è già iniziato, recuperare le eventuali lezioni, etc.

Le ragioni del diniego del visto F1 per studenti.

Di solito, le scuole che partecipano ai programmi SEVP si occupano anche di rilasciare tutti i certificati necessari e assistere lo studente durante la fase in cui richiede il visto, pratiche che normalmente vengono delegate ad un avvocato per l’immigrazione negli USA, professionista che sa come agire per ottenere il visto senza problemi oppure come muoversi se il visto F1 è stato negato.

Anche se non si riesce a dimostrare di avere una disponibilità economica adeguata può essere un motivo per vedersi negato il visto F1 da studente, così come il fatto di non riuscire a dimostrare di avere legami abbastanza forti on il proprio paese ( presenza di figli, un lavoro fisso, una promessa di lavoro, possedere immobili di proprietà e qualunque prova di mantenere legami socio-economici con il paese di origine etc.).

Il consolato o l’ambasciata rilasciano un prestampato con la ragione del diniego e spesso tale ragione riporta mancanza di forti legami con il paese di origine in base all’articolo di legge 214 (b) dell’INA (Immigration and Nationality Act).

Può altresì portare al rifiuto di un visto studente, l’aver fatto dichiarazioni incongruenti. Tali condizioni che potrebbero portare al risultato di vedersi il visto F1 negato.

Altre ragioni del diniego potrebbero essere:

  1. Se i fondi per pagare gli studi non sono personali o di parenti prossimi, ma appartengono ad altre persone, specialmente se residenti negli Stati Uniti ;
  2. L’aver violato in precendenza lo status immigratorio, ad esempio nel caso di aver lavorato negli Stati Uniti senza permesso lavorativo;
  3. Aver intenzione di sposarsi con un cittadino o cittadina americana o comunque di voler emigrare negli Stati Uniti e trasferirsi in maniera stabile;

Il visto F-1 rimane un visto non-immigrant, pertanto il richiedente non deve avere l’intenzione di trasferirsi negli USA per sempre.

Posso appellare la decisione di rifiuto da parte del Consolato americano?

La decisione è inappellabile. Ciò nonostante il richiedente potrà normalmente ripresentare la domanda di visto in qualsiasi momento. Qualor

Posso viaggiare con l’ESTA dopo il rifiuto del visto F1 per studente?

Il rifiuto del visto F1 può avere conseguenze sull’utilizzo dell’ESTA (Visa Waiver Program)

Il visto F1 negato, in seguito può essere anche un problema per poter ottenere un altro tipo di permesso per soggiornare negli USA (anche un semplice ESTA), per questo motivo è bene accertarsi sempre di essere in possesso di tutti i requisiti richiesti prima di fare la domanda per il visto ed eventualmente richiedere la consulenza di un avvocato per l’immigrazione degli USA per sbrigare le pratiche.

Posso entrare con il visto F-1 studente e lavorare negli USA?

In generale il visto studente non permette di lavorare negli Stati Uniti. Tuttavia esistono delle eccezioni, ad esempio:

  • dopo aver compiuto un anno di studi ed aver conseguito un diploma di laurea o master, previa approvazione dell’USCIS (Optional Practical Training OPT) del modulo I-765;
  • Al secondo anno di studi, nel settore di studio, e previa approvazione dell’Università (Curricular Practical Training o CPT).

Cosa succede se non mi presento alle lezioni?

La presenza è obbligatoria. Le assenze possono avere ripercussioni negative sullo status immigratorio, tali da far perdere lo status di studente F1. Lo stesso può accadere in caso di mancato versamento della retta universitaria o delle spese per il corso.

Posso viaggiare con il visto F1 Studenti

Si. Ma il modulo I-20 deve essere valido e firmato dall’International Student Service della scuola o dell’università. Si consiglia di rivolgersi a tale servizio prima di viaggiare all’estero.

 

Contatta lo studio legale Carlo Castaldi per una prima consulenza gratuita in materia di visti americani, visto F1 negato, visto J1 negato visto E1 negato, visto investitore E2 negato, visto USA negato, visto O1 negato, visto B negato

Le informazioni contenute in questo articolo sono a scopo informativo e non fanno riferimento alla particolare situazione di un individuo o di una persona giuridica. Non costituiscono oggetto di consulenza legale o fiscale. Questi contenuti non possono sostituire la consulenza individuale da esperti in singoli casi concreti. Nessuno dovrebbe agire sulla base di queste informazioni senza un’adeguata consulenza professionale e senza un esame approfondito della situazione

Leave a Reply